Pianificare l’attività fisica, ma come?

Considerare l’attività fisica al pari di qualsiasi altra attività è una buona strategia per dedicarle il tempo necessario, senza rischiare di dare la priorità ad altre attività, rinunciando sempre al movimento. Evitate di pensare o dire “Dovevo andare in bici, ma fa niente… mi guarderò un film piuttosto.”, non rinunciate a muovervi. Si pianificano le feste di compleanno, lo shopping, le vacnaze, le cene, la pensione, e tante altre cose. Perché non provare a pianificare anche il tempo per la salute?

Muoversi di più ogni giorno non vuol dire per forza dovere avere a disposizione più tempo. Si può trovare il tempo semplicemente revisionando la suddivisione delle attività della giornata. Per aiutarvi in questo, può essere utile fare un piano settimanale.

  • Prendetevi una mezz’oretta per pianificare la vostra settimana. Suddividete gli impegni e le attività giorno per giorno. In questo modo, renderete più abbordabile l’attività fisica che magari vi sembra ancora difficile da integrare con la quotidianità.
  • Considerando che tra il lavoro, la gestione della casa e della famiglia siete molto impegnati, segnate le vostre priorità. Il movimento deve diventare una di quelle.
  • Disegnate uno schema, annotate in agenda o segnate sul calendario tutto quello che dovete fare. Definite blocchi di tempo, fissate degli orari per l’attività fisica.
  • Fate delle scelte. Se vi accorgete che a volte svolgete attività che in fin dei conti non vi aiutano a stare meglio (fisicamente, ma non solo), se possibile, eliminatele. Questo tempo potrebbe venir dedicato ad una passeggiata.
  • Ottimizzate i vostri impegni. Durante i week-end cercate di approfittare del tempo libero. Organizzate la spesa una volta a settimana, così la mezz’oretta dedicata a quello potrà andare per un po’ più di movimento. Accompagnate i figli a scuola camminando, mentre guardate la tv fate un po’ di stretching.
  • Fatevi aiutare dalla famiglia. Chiedete alla vostra famiglia di aiutarvi ad essere costanti e magari fate un piano di movimento tutti insieme.
  • Inserite l’attività fisica nelle pause, al lavoro, a casa, a scuola.
  • Pianificate delle vacanze sportive. Tutti hanno bisogno di riposare un po’ dopo mesi di lavoro, ma ricordate quella sensazione di benessere che si ha dopo una bella nuotata, una sciata, una passeggiata all’aria aperta? Si è stanchi, ma… paradossalmente sembra di avere più energia. È una stanchezza molto diversa da quella che si sente ogni sera dopo il lavoro. Fare vacanze sportive non vuol dire non poter dormire fino a tardi o di tanto in tanto stare in pigiama tutto il giorno, ma fare qualche attività per mantenersi attivi e stare meglio.
  • TORNA INDIETRO

  • Gallery

    b-ski-mf1 b-parco-mf2 fragole3 kiwi2