La comunicazione è fondamentale

Quando si tratta di incoraggiare abitudini corrette, la comunicazione tra genitori e figli è molto importante. Per quanto riguarda le abitudini alimentari e di movimento dei bambini, l’ambiente domestico è uno dei luoghi più importanti in cui queste abitudini si possono influenzare. Inoltre, comunicare comporta molti altri benefici. Qui di seguito vogliamo presentarvene alcuni, anche se non in modo esaustivo, così come darvi qualche spunto per una comunicazione migliore in famiglia.

Si può comunicare in tanti modi. Non solo attraverso la parola, ma anche con un messaggio su carta o via Internet, un disegno, un video, una canzone o una fotografia si possono trasmettere messaggi importanti. A volte, la comunicazione non verbale (come i gesti, i silenzi, le espressioni facciali) può raccontare molto più delle parole. In generale, comunicare in modo aperto vuol dire esprimere idee, raccontare esperienze (positive e negative), condividere sentimenti, ma anche chiedere aiuto agli altri, quando è necessario.

Quando si usa uno stile chiaro e aperto, i figli lo apprezzano e si sentono soddisfatti e a loro agio nel nucleo familiare. Essi comprendono che la loro famiglia si prende cura di loro e sono meno inclini a intraprendere comportamenti dannosi per la loro salute. È importante fare complimenti ai propri figli quando questi fanno qualcosa di buono. Questo migliora la loro autostima e rafforza i comportamenti corretti.

Uno stile comunicativo chiaro e aperto all’interno della famiglia può migliorare anche altri aspetti della vita quotidiana dei bambini, come per esempio l’impegno nello studio e il rendimento scolastico, la fiducia in se stessi, l’autonomia psicologica, i rapporti sociali. Nel caso dell’alimentazione, è importante chiedere ai propri figli quali sono i loro gusti. Imparate ad ascoltare i vostri figli. Non siate soddisfatti della risposta “non mi piace”: provate ad indagare e scoprire il perché preferiscono un cibo piuttosto che un altro e se caso, spiegare loro per quali motivi, invece, dovrebbero mangiare anche ciò che a loro non piace. Forse si tratta del metodo di cottura. Infatti, alcuni bambini preferiscono le verdure crude, piuttosto che cotte e viceversa. A volte, invece, si tratta del piatto poco attraente. Provate allora a decorarlo un po’, magari facendovi aiutare dai vostri figli. Infine, insistete affinché i vostri figli assaggino le pietanze presentate a tavola: potrà non piacere, ma non lo scopriranno se prima non l’avranno provato!

Riguardo all’attività fisica, vale lo stesso principio. Chiedete loro quali attività avrebbero piacere di svolgere in vostra compagnia. La solita passeggiata domenicale potrebbe essere variata con un giro in bicicletta o una corsa coi pattini! Qualche bambino è più portato ad attività individuali, altri invece preferiscono le attività di gruppo… magari poi qualcuno non è a suo agio nel gruppo perché c’è un compagno che piace poco, ma con altri bambini o in famiglia svolge le attività proposte con piacere. Parlatene per scoprire quali sono i gusti dei vostri figli!

TORNA ALLA PAGINA GENITORI

  • Gallery

    b-calcio-f1 gb-walking-mf4 ciliege1 toy-quadrati